19 novembre 2018

Sì al Banco Marchigiano dai soci della Bcc di Civitanova Marche e Montecosaro

Doppia storica votazione, l’11 novembre 2018, nell’Assemblea straordinaria e ordinaria dei soci della Bcc di Civitanova Marche e Montecosaro, presso il ristorante “Orso” di Civitanova.

La compagine sociale ha infatti ratificato il progetto di aggregazione per incorporazione della Bcc di Suasa nella Bcc civitanovese, dopo la medesima ratifica effettuata dalla compagine sociale della Banca Suasa, nell’assemblea di ieri, sabato 10, e il nuovo statuto sociale per l’ingresso nel Gruppo Bancario Cooperativo facente capo alla trentina Cassa Centrale Banca.

L’Assemblea della compagine sociale della Bcc di viale Matteotti ha ufficialmente tenuto a battesimo e consentito la nascita del nuovo “Banco Marchigiano”.

«Una nuova Banca di sistema regionale – afferma il DG Marco Moreschi – in tutto il panorama delle Bcc nazionali rappresenta in assoluto il primo progetto di Bcc che intende diventare Banca di sistema regionale».

La nuova Banca, che avrà valenza giuridica dal 15 dicembre e che manterrà la sede in viale Matteotti a Civitanova Marche, nasce dall’ampliamento territoriale della BCC di Civitanova Marche e Montecosaro in questo 2018 in cui, dopo le aperture delle tre filiali in territorio anconetano (Castelfidardo, Osimo e Loreto) dei mesi scorsi e dopo l’incorporazione della Banca Suasa, è ora definitivamente uscita dai confini territoriali storici del maceratese e del fermano ed ha acquisito a tutti gli effetti una dimensione regionale”.

Il Banco Marchigiano copre 4 Province (Pesaro, Ancona, Macerata e Fermo), ha 24 Filiali, 162 dipendenti, quasi 9 mila Soci (8.897); copre un bacino di 928.368 marchigiani (60% della popolazione), rispetto alla popolazione complessiva nelle Marche di 1.538.055; il patrimonio netto è di 79,3 milioni di euro e i mezzi amministrati 931 milioni di euro.

«Il nuovo Banco Marchigiano – dice il Presidente Sandro Palombini – intende diventare l’interlocutore di riferimento sui territori di competenza, per proseguire il percorso storico di sostegno finanziario alla nostra clientela e per promuovere il coinvolgimento dei Soci nella vita della nuova istituzione».

Il secondo, importantissimo, punto all’ordine del giorno dell’Assemblea è stata l’approvazione del nuovo statuto sociale per l’ingresso nel Gruppo Bancario cooperativo facente a Cassa Centrale Banca.

«Si è concluso un percorso molto lungo, articolato e complesso per la costituzione del Gruppo Bancario Cooperativo di Cassa Centrale Banca – dice Marco Bindelli, Amministratore Delegato della Bcc di ivitanova per i rapporti con il Credito Cooperativo – che la nostra Bcc ha portato avanti da autentica protagonista».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *